lunedì 17 gennaio 2011

pizza

In quel tempo, quando non eravamo ancora in piena sindrome “oddioglialtripenserannochesonpovero” e quando la sindrome “sembroconlepezzealculoinvecesonfigo” non era ancora arrivata, io ricordo che il cartone in cui viene messa la pizza per le consegne a domicilio veniva riciclato, non nel senso materico, ma nel senso strumentale, cioè: te magnavi ‘na pizza te tenevi er cartone e jo riportavi ar pizzettaro ‘a vorta dopo che te metteva ‘na pizza artra. Poi non s’è potuto fare più o forse non si può fare più per via dell’influenza della nota lobby dei produttori di cartoni per pizze. La pizza del chiosco al mare, che ti teneva lontano da Nettuno per materno intervento tre ore,  aveva sempre un sapore migliore di qualunque altra pizzetta in qualunque altro posto, in qualunque altro momento dell’anno. Solo una pizzetta insidiava il primato a quella salmastra: la pizzetta che Nunzio il bidello andava a prendere al bar del liceo. Al natio quartiere piano non ci sono state pizzerie fino alla fine degli  anni ’90; da sempre c’era solo un posto che faceva la farinata, il titolare era considerato universalmente pazzo, aveva dipinto di nero una parete e fatto scritte con il gesso il sovversivo!  lo inchiodava alla pazzia l’amore per Nina Hagen. Nel quartiere vicino c’era una pizzeria gestita da fratelli bestemmiatori e in cassa la mamma impellicciata di visone e inciabattata, tanto chi guarda sotto la cassa? Ora la pizzeria c’è ancora, ma i bestemmiatori non più, uno di loro impasta e bestemmia altrove. Nel 1993 incontro le pizze metropolitane, scopro che nelle pizzerie sabaude esistono modelli diversi di pizza, come la Mini e la Mini Abarth. Dal medesimo forno possono uscire pizze al mattone e al tegamino, ah le metropoli.  Capisco dopo che solo lo spirito piemontese poteva pensare la versione ridotta e porzionata di un piatto già povero di per sé. La porzione è fondamentale consente di distinguere nettamente il “tuo” dal “mio”, che nella città marziale degli alloggi e non degli appartamenti ha chiaro diritto di esistere.
 Poi là ho scoperto che esistono anche altri dei, che portano con sé altri riti et si dieu crea la femme allah crea le kebab.

Nessun commento: