mercoledì 13 luglio 2011

tre uomini (piccoli) in bici



Torno* e incrocio tre ragazzini in bici quell'età dove gli amici e la bici sono un mondo, mi vedono e si buttano giù dalla discesa in una specie di sfida fra loro e la mia macchina, pedalano a perdifiato per non farsi superare, pedalano come pazzi, pedalano e gli scappano i pedali di qua e di là.
Facciamo insieme dal centro paese alla mia frazione, hanno pedalato allo sfinimento per starmi davanti, al piazzale del Cimitero li supero, li vedo scoppiati nello specchietto retrovisore sudati come cavallini.
E' un'età fantastica, un giorno vale una vita, una corsa in bici e gli amici sono il "mondo".
Vorrei riavere quella felicità spensierata e sudata.
Te ne auguro tanta Puffolomeo.






*torno dal dottore, controllo, altri due giorni a casa le placche fanno schifo.

9 commenti:

LadeaKalì ha detto...

Ok, sono ufficialmente commossa...è l'augurio più bello che potevi fare al tuo ometto...

Stima Di Danno ha detto...

hai scritto righe di pura gioia!

Kitty ha detto...

Il film no, ma il racconto è un capolavoro.

luciebasta ha detto...

ma che meraviglia,gran bel post!
(beato te puffo, che hai una mamma così...)

silvia.moglie ha detto...

altre madri avrebbero detto altro. e puntato diti. e conclusioni. sei tosta e giusta. ecco perchè.

Margot ha detto...

Ti capisco benissimo, e l'immagine presa da IT è perfetta, anche per me quel libro racconta proprio quell'età particolare , nella quale si è ancora bambini pieni di fantasia e sfide ma si è ogni giorno più indipendenti, e tutto è possibile

Pentapata ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Pentapata ha detto...

@silvia puntato diti? e contro chi? e perchè? io ve lo dico la gente comincia a farmi paura.

CloseTheDoor ha detto...

Che bellissima immagine :)